EMERGENCY Live Support for Civil War Victims
Associazione umanitaria italiana per la cura e la riabilitazione delle vittime delle guerre e delle mine antiuomo
Coordinamento regionale dei gruppi di Alessandria-Casale, Arona, Asti, Biella, Borgosesia, Cuneo, Lago d'Orta, Novara, Pinerolo, Savigliano, Torino, Verbania, Vercelli.

sito web: http://emergency.2you.it

LE NOSTRE ULTIME INIZIATIVE


Mercoledì 4 aprile ore 21:00Vuoi far parte del gruppo Emergency di Torino?

Riunione per tutti coloro che desiderano conoscere l'associazione nell'ottica di entrare a far parte del gruppo di volontari.
dove?
via san francesco d'assisi 3 (sede dei Verdi di Torino)
ore 21:00
---------------------------------
Per info: Franca 3475417099.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 4 Apr 2007
ore 20,45
Camminiamo insieme contro ogni forma di prevaricazione, violenza e guerra
L'Associazione ?La Speranza? di Villafranca Piemonte organizza la
Nona edizione della FIACCOLATA
Con l?adesione di EMERGENCY - Pinerolo
Camminiamo insieme contro ogni forma di prevaricazione, violenza e guerra
FIACCOLATA PER LE VIE DEL PAESE
Ritrovo presso l?Ala comunale ore 20,45
Partecipate numerosi!

(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Mer 4 Apr 2007
ore 21,00
UN ALTRO AFGHANISTAN E' POSSIBILE?
La missione Nato-Isaf è un contributo o un ostacolo verso il futuro democratico del paese?

Ne parliamo con:

VITTORIO AGNOLETTO
di ritorno da una missione a Kabul dove ha incontrato membri della società civile, delle istituzioni e delle forze politiche.

Partecipano:
MARINA CASTELLANO, EMERGENCY
LAURA QUAGLIOLO, CISDA ? DONNE IN NERO
ANTONIO GRASSEDONIO, CANTIERI DI PACE

AULA MAGNA AVOGADRO
VIA ROSSINI, 18 - TORINO
MERCOLEDÌ 4 APRILE 2007- ORE 21,00

Organizzano:
Associazione culturale puntorosso,Cantieri di Pace,Gruppo GUE-NGL
info: 389 1647237 ? torino@puntorosso.it

torino@puntorosso.it

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 4 Apr 2007
dalle 11:30 alle 12:30
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi - davanti a Palazzo Nuovo
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi

Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, mercoledi' 4 aprile dalle ore 11:30 saremo a Torino davanti a Palazzo Nuovo.

Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.


RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 3 Apr 2007
8,30-10,00 e 10,20-11,40 circa


Emergency nelle scuole
Incontro con le classi IV e V Ginnasio del Liceo Classico Alfieri, C.so Dante, Torino. Presentazione del progetto "Emergency e la guerra". Sarà presente Marina Castellano, infermiera, che porterà la propria testimonianza e una documentazione fotografica sull'attività svolta presso l'ospedale di Emergency di Lash Kar Gah,in Afghanistan
Per Emergency: Marina, Euro
(Riferimenti: Euro Carello cell. 339.508.60.99 e-mail ceuro@tele2.it)

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 3 Apr 2007
dalle ore 15,00 alle ore 17,00


Emergency nelle scuole
Presentazione della fiaba di Mago Linguaggio ai bambini delle classi 1; 2; e 3 della Scuola Elementare di San Martino di Barge, Via Crocetta, 2.

(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Mar 3 Apr 2007
dalle17
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi - davanti alla RAI, via Verdi
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi

Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, martedi' 3 aprile dalle ore 17 saremo a Torino davanti alla sede RAI di Via Verdi.

Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 2 Apr 2007
h. 17:00
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi - davanti al Municipio
Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, lunedi' 2 aprile dalle ore 17 saremo a Torino davanti al Municipio, Piazza Palazzo di Citta'.

Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Sab 31 Mar 2007
dalle 11 alle 13 e dalle 17 alle 19
Aperitivo per Emergency a Settimo Torinese
Presso l'AUTOFFICINA STELLA VIA GARIBALDI 2 ORE 11-13 APERITIVOPOESIA CON LETTURE DA VERSI CAPOVERSI DI ENRICO M LAZZARIN E ROSSELLA PEINETTI RACCOLTA FONDI PER EMERGENCY

- presso la LIBRERIA DANIEL DI BELGRAVIA VIA DON SALES 3 (ISOLA PEDONALE) ore 17-19 presentazione del libro VERSI CAPOVERSI DI E M LAZZARIN E R PEINETTI IL RICAVATO DELLA VENDITA SARA INTERAMENTE DEVOLUTO A EMERGENCY



RIF. GRUPPO DI TORINO

Sab 31 Mar 2007
dalle 14
Marcia No TAV
Marcia di 6,5 Km dalla Val Sangone alla Val di Susa organizzata unitariamente dai Comitati NO-TAV delle due valli e dai Sindaci della Bassa Val di Susa
PER DIRE:
- NO al TAV Torino-Lione in qualunque fantasiosa variante
- SI al contingentamento dei TIR su strade ed A32
- NO al raddoppio del tunnel autostradale del Frejus
(anche se mascherato da galleria di sicurezza)

- Appuntamento a TRANA (ponte sul Sangone), alle 14
- Arrivo ad AVIGLIANA (piazza Del Popolo) alle 17 circa
- Concerto finale dei Lou Dalfin
- Navette per il ritorno a TRANA


Approfondimenti (su notavtorino.org):
- motivazioni NO-TAV 1
- motivazioni NO-TAV 2
- motivazioni NO-TIR

Il gruppo Emergency di Torino condivide le istanze del popolo No TAV ritenendo di interesse comune la difesa del diritto alla salute, del diritto a una informazione imparziale e di un modello di sviluppo attento alle persone e al territorio.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Sab 31 Mar 2007
dalle ore 10,00 alle ore 12,00
Presidio
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi, a Pinerolo, davanti al Comune in Piazza Vittorio Veneto.


(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Sab 31 Mar 2007
h. 15:00
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi -davanti all FNAC, via Roma 56 Torino
Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, sabato 31 marzo dalle ore 15 saremo a Torino presso la FNAC in Via Roma 56

Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.

RIF. GRUPPO DI TORINO

venerdi 30 marzo ore 11

Scuola Elementare Silvio Pellico
Corso Dante angolo via madama cristina.
per Em:Franca e Marta

RIF. GRUPPO DI TORINO

Ven 30 Mar 2007
h. 18:00
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi
Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, venerdi' 30 marzo dalle ore 18 saremo a Torino presso la sede de "La Stampa"

Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Gio 29 Mar 2007
dalle ore 15,00 alle ore 17,00


Emergency nelle scuole
Incontro con i bambini delle classi 4 e 5 della scuola elementare di San Martino di Barge in Via Crocetta, 2.
Presentazione di "Dimen, profuga di guerra".
(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Gio 29 Mar 2007
h. 18:00
Presidio per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi -piazza Castello angolo via Garibaldi
Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, giovedi' 29 marzo dalle ore 18 saremo a Torino in Via Garibaldi angolo Piazza Castello.

Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 28 Mar 2007
h. 18:00
Presidio davanti alla sede di "Repubblica" in via Roma 306 per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi
Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, mercoledi' 28 marzo dalle ore 18 saremo a Torino in Via Roma 306 sotto la sede di "Repubblica".


Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.

RIF. GRUPPO DI TORINO

da Mar 27 Mar 2007 a Dom 1 Apr 2007
ore 20,45 tranne la domenica (ore 15,30)
PROCESSO A DIO - Spettacolo con Ottavia Piccolo
Teatro Gobetti

Emergency sarà presente con un banchetto informativo e di raccolta fondi in occasione dello spettacolo:

PROCESSO A DIO
di Stefano Massini
con Ottavia Piccolo, Vittorio Viviani, Silvano Piccardi
regia Sergio Fantoni
La Contemporanea srl

Elga Firsch, attrice di origini ebraiche deportata al campo di Maidanek e sopravvissuta alla catastrofe, trasforma la tragedia vissuta sulla propria pelle in irrinunciabile necessità di affrontare Dio a viso aperto, in un processo che coinvolge il vecchio rabbino Nachman difensore di Dio, il giovane Nadek manioso di vendetta, lo Scharführer Reinhard relitto del Reich e i due anziani Solomon e Mordechai, severi giudici del divino alla sbarra.
Ottavia Piccolo, diretta da Sergio Fantoni, incarna ancora una volta la drammatica figura di una donna che non si arrende all?insensato procedere della storia e che non teme di far sentire la propria voce né di affermare con incisività il proprio pensiero. Stefano Massini, giovane drammaturgo e regista recentemente insignito del Premio ?Pier Vittorio Tondelli?, è autore del testo, la cui parola chiave, come racconta lui stesso, «non è il dolore dell?Olocausto, bensì il non-senso: quella nebbia fitta che avvolge il presente, quella insignificante banalità che muove la storia con il tragico sconcerto di chi è vittima. Se l?uomo è un burattino, chi lo muove? E quale logica segue il teatrino del mondo? Sono queste le domande che, come un magma, muovono il testo dal suo interno. Elga Firsch accusa Dio con la voce, in fondo, dell?umanità intera: l?umanità di ogni epoca e bandiera. E vale, forse, come esempio, una battuta del rabbino Nachman: il processo a Dio non lo facciamo noi: non si è mai chiuso. Da cinquemila anni».

Ulteriori Informazioni

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 27 Mar 2007
ore 17
PRESIDIO DAVANTI LA PREFETTURA DI TORINO
Per la liberazione di Rahmatullah Hanefi e Adjmal Nashkbandi, un appello di
Emergency.


Il gruppo Emergency di Torino continua a presidiare e invita tutte le
associazioni e le persone contrarie alla guerra ad unirsi al nostro appello.

Oggi, martedi' 27 marzo dalle ore 17 saremo a Torino  in Piazza Castello
davanti la Prefettura.



Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano
dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì
20 dai servizi di sicurezza afgani.
Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari.
Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi
la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah
Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando
"con i cavi elettrici".
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele
Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano,
attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere
determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di
Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un "alto
meeting sulla sicurezza nazionale" presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso
di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono
accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.Non è
accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele
Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency.
Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi giorni, di
impegnarsi per l'immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha
assicurato che l'avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di
rispettare le parola data.




FIRMA L'APPELLO DI EMERGENCY!

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 26 Mar 2007
dalle ore 10,00 alle ore 12,00


Emergency nelle scuole
Presentazione dei "diritti in gioco" ai ragazzi della classe 3A della Scuola Media Brignone di Pinerolo.
(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Lun 26 Mar 2007
ore 17
LIBERATE SUBITO RAHMATULLAH E ADJMAL!!
Presidio del gruppo Emergency di Torino davanti al Municipio, in Piazza Palazzo di Città, per mantenere viva l'attenzione sul caso dei due Afghani scomparsi: Rahmatullah Hanefi, responsabile della sicurezza nell'opedale Emergency di Lashkargah e uomo chiave nella liberazione di Daniele Mastrogiacomo, e Adjimal, interprete del giornalista italiano.


Milano, 25 marzo 2007
Siamo angosciati per la sorte di Rahmatullah Hanefi. Il responsabile afgano dell'ospedale di Emergency a Lashkargah è stato prelevato all'alba di martedì 20 dai servizi di sicurezza afgani. Da allora nessuno ha potuto vederlo o parlargli, nemmeno i suoi famigliari. Non è stata formulata nessuna accusa, non esiste alcun documento che comprovi la sua detenzione. Alcuni afgani, che lavorano nel posto in cui Rahmatullah Hanefi è rinchiuso, ci hanno detto però che lo stanno interrogando e torturando ?con i cavi elettrici?.
Rahmatullah Hanefi è stato determinante nella liberazione di Daniele Mastrogiacomo, semplicemente facendo tutto e solo ciò che il governo italiano, attraverso Emergency, gli chiedeva di fare. Il suo aiuto potrebbe essere determinante anche per la sorte di Adjmal Nashkbandi, l'interprete di Mastrogiacomo, che non è ancora tornato dalla sua famiglia.
Oggi, domenica 25, il Ministro della sanità afgano ci ha informato che in un ?alto meeting sulla sicurezza nazionale? presieduto da Hamid Karzai, è stato deciso di non rilasciare Rahmatullah Hanefi. Ci hanno fatto capire che non ci sono accuse contro di lui, ma che sono pronti a fabbricare false prove.
Non è accettabile che il prezzo della liberazione del cittadino italiano Daniele Mastrogiacomo venga pagato da un coraggioso cittadino afgano e da Emergency. Abbiamo ripetutamente chiesto al Governo italiano, negli ultimi cinque giorni, di impegnarsi per l?immediato rilascio di Rahmatullah Hanefi e il governo ci ha assicurato che l?avrebbe fatto. Chiediamo con forza al Governo italiano di rispettare le parola data.

Teresa Sarti Strada
Presidente di Emergency

FIRMATE LA PETIZIONE SUL SITO DI PEACEREPORTER E DIVULGATE IL COMUNICATO

RIF. GRUPPO DI TORINO

Dom 25 Mar 2007
dalle ore 10,00 alle ore 18,00
Volontariato in piazza
Il gruppo Emergency di Pinerolo partecipa alla giornata del Volontariato in Piazza organizzata dal Comune.
Saremo presenti in Piazza Vittorio Veneto con un banchetto informativo e di raccolta fondi.
Sarà inoltre organizzata una pesca di beneficienza. Il ricavato sarà destinato a sostenere gli ospedali di Emergency.
(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Sab 24 Mar 2007
h. 21:00
Serata a favore di Emergency presso la casa del Conte Verde - Rivoli

Sabato 24 marzo alle ore 21:00
Casa del Conte Verde, via Piol, 8 Rivoli, tel 9563020, serata in favore di Emergency.

Con lettura di poesia e presentazione del libro: "Carte Scambiate" versi capoversi di Rosella Peinetti - "Ombrelli D'Aprile" Versi Capoversi di Enrico Maria Lazzarin e con Eleonora Forno, MaCs, Enrico Castelli, Paola Zoppi.
L'intero ricavato dalla vendita del libro andra' a sostegno di Emergency.




Info sull'intera rassegna

RIF. GRUPPO DI TORINO

Sab 24 Mar 2007
dalle 15:00
INDIETRO MARSCH! Manifestazione per la Pace e il ritiro delle truppe
Raggruppamento in Piazza Arbarello alle ore 15:00


Vogliamo scelte coraggiose per una vera politica di disarmo, basata sulla riduzione delle spese militari e sull'aumento delle spese sociali e per la cooperazione, basata sul rifiuto della guerra come strumento della risoluzione delle crisi internazionali, sull'indipendenza e l'autonomia del nostro Paese e dell'Europa dalla guerra permanente e preventiva dell'amministrazione Bush.

Facciamo appello al popolo della pace perchè riprenda la parola, perchè le donne, gli uomini, le ragazze ed i ragazzi, le organizzazioni della società civile, i sindacati contribuiscano alla realizzazione delle mobilitazioni e delle iniziative pacifiste necessarie per spingere ad atti politici concreti e senza ambiguità:

per il ritiro delle truppe dall'Afghanistan;
per la riduzione delle spese militari destinando i risparmi alla istituzione di corpi civili di pace, al sostegno della cooperazione internazionale allo sviluppo e alle spese sociali in Italia;

per la ridefinizione delle servitù militari;
per mettere la vocazione di pace del popolo italiano al centro delle scelte del nostro Paese.

Non c'è strada che porta alla pace, la pace è la strada!

RIF. GRUPPO DI TORINO

Ven 23 Mar 2007
ore 21,00
Un anno in Afganistan
Un anno in Afganistan. Marina Castellano racconta la sua esperienza di infermiera nell'ospedale di Emergency.
L'incontro si terrà nella Sala Consiliare del Comune di Torre Pellice.
Il gruppo Emergency di Pinerolo sarà presente con un banchetto informativo e di raccolta fondi.
(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Sab 17 Mar 2007
dalle 17 alle 23
Inaugurazione mostra di Susanna Viale - Chieri
Da sempre appassionata di antropologia culturale e sociologia, la Viale è una viaggiatrice. Una girovaga che si sofferma a ritrarre le altre culture nei loro costumi più caratteristici. «Approfitto della mia passione per i viaggi per trarre ispirazione dai colori locali, dalla gente e dai luoghi dello spirito.»

Galleria Civica - Palazzo Opesso, via S Giorgio n3 a Chieri.

In occasione dell'inaugurazione della mostra si terrà una
raccolta fondi per Emergency.
IN COLLABORAZIONE CON LA PRIMAVERA DEI POETI, ASS CULTURALE DUE FIUMI, COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITA' DI SETTIMO

Info sulla mostra

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 14 Mar 2007
ore 21.00
Banchetto al Teatro della Concordia di Venaria
Emergency sarà presente con un banchetto informativo e di raccolta fondi presso l'ingresso del teatro della Concordia di venaria (corso Puccini) in occasione dello spettacolo:

XANAX
di Angelo Longoni
con Amanda Sandrelli, Blas Roca Rey
regia di Angelo Longoni

Un uomo e una donna in una situazione esasperata, claustrofobica, estrema. Due persone quasi sconosciute che sono costrette improvvisamente a condividere gli elementi più intimi del proprio corpo e della propria anima. Un venerdì sera Laura e Daniele si attardano un po? più del solito in ufficio. Verso le nove di sera le loro vite si incontrano su uno degli ascensori che li deve condurre verso l?esterno. Ma l?ascensore si blocca. I due provano a premere il tasto di allarme, chiamano aiuto ma ormai nessuno li può sentire almeno fino a lunedì mattina. Quarantotto ore possono diventare un?eternità quando si sta chiusi in quattro metri quadrati, senza ricambio d?aria, senz?acqua, senza cibo, quando la paura è incontrollabile e ci si sente estranei ma si é costretti a condividere l?intimità con uno sconosciuto. In una situazione così estrema e concentrata può accadere anche che cose mai dette, taciute a se stessi e agli altri, emergano dalla coscienza e vengano rivelate ad un estraneo. Amanda Sandrelli e Blas Roca Ray cominciano, lentamente, a sciogliere diffidenze e tensioni, rivelando le proprie ansie ed i propri tic. Finiscono col creare una complicità che li accosta, inconsciamente, in un divertente gioco di consensi e contrasti, fino a scoprire alcune insospettabili affinità.

Ulteriori informazioni sullo spettacolo
Come arrivare al teatro della Concordia

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 13 Mar 2007
h. 21:00
Un impegno per la Pace: incontro con Teresa Sarti a Asti
Incontro con la Presidente di Emergency, Teresa Sarti, presso il Teatro Alfieri.

Teresa Sarti presentera' Emergency e la sua attivita' per le vittime nei luoghi della guerra.

Interverra' anche il cardiologo prof. Gaita.
locandina iniziativa

RIF. GRUPPO DI ASTI

Mar 13 Mar 2007
h. 21.00
Incontro con Teresa Sarti Strada
Teresa Sarti Strada sarà presente al Teatro Alfieri in Via Teatro Alfieri n. 2 ad Asti (AT) mercoledì 13 marzo alle ore 21.00 per l'incontro dal titolo "Un impegno per la pace". Parteciperà all'incontro il Dott. Gaita, primario del reparto Cardiologia dell'ospedale Cardinal MAssaja di Asti. Saremo presenti con un banchetto informativo per l'intera serata.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Sab 10 Mar 2007
ORE 21,00
Concerto per Emergency
Banda Musicale ?San Lorenzo? di Cavour e Unione Musicale di Inverso Pinasca
propongono un CONCERTO di solidarietà PER EMERGENCY
L'incasso della serata sarà interamente devoluto ad Emergency
Il concerto si terrà presso il Salone Polivalente di Pinasca Via De Amicis, 1
INGRESSO LIBERO
IL GRUPPO EMERGENCY DI PINEROLO SARA? PRESENTE CON UN BANCHETTO INFORMATIVO E DI RACCOLTA FONDI
Con il patrocinio del Comune di Pinasca

(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Sab 10 Mar 2007
dalle 16 alle 19
Presidio in Piazza Castello per rilanciare le tematiche collegate alla Pace, al Disarmo e al ritiro delle truppe italiane dalle missioni all'estero

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 7 Mar 2007
8,50 -> 10,40 e 10,50 - >12,30


Emergency nelle scuole
Incontro con le classi 3A, 3B, 3D e 3E della S.M. "Alvaro", V. Balla 13, Torino, su due turni successivi
Presentazione del progetto "Emergency e la guerra". Verrà proiettato il filmato "Soran non aver paura", sull'attività di Emergency nel nord dell'Iraq
Per Emergency: Euro
(Riferimenti: Euro Carello cell. 339.508.60.99 e-mail ceuro@tele2.it)

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 7 Mar 2007
h. 18:00
L'esercito di Pace: esercito o nonviolenza?
EGA Editore e Centro Studi Sereno Regis in collaborazione con il CISP presentano un incontro presso il Centro Studi Sereno Regis Via Garibaldi 13 Torino.

Intervengono: Antonino Drago (Università di Pisa), e Marco Revelli (Università Piemonte Orientale)

Con la partecipazione straordinaria di Johan Galtung uno dei fondatori dei moderni studi sulla pace


Nel corso dell?incontro verrà presentato il volume di Antonino Drago Difesa popolare nonviolenta (EGA Editore), l?opera più completa sulla difesa popolare nonviolenta e sulla soluzione alternativa dei conflitti.

Il testo offre una chiave di lettura per comprendere un passaggio storico di grande importanza: la profonda trasformazione di un settore sociale, quello difensivo, che è di importanza critica nella definizione del patto che regola l?organizzazione della società.

Nel saggio sono individuati e descritti i suoi presupposti storici e teorici, le precondizioni sociali, come pure le sue possibili attuazioni; e infine la sua strategia, sui tempi lunghi e nell'immediato, rispetto all'obiettivo di farla diventare un?istituzione pubblica operativa, come quella militare tradizionale.

Uno studio rigoroso che propone non solo un tema nuovo (dato che finora si è parlato poco di alternative alla difesa attuale), ma anche un impianto del tutto innovativo (scientifico) per la rifondazione della difesa nazionale, analizzando i temi e i problemi che essa comporta, compreso quello di un nuovo modo di ragionare in proposito.



L?autore
Antonino Drago, uno dei più autorevoli studiosi italiani della nonviolenza, è impegnato da vari decenni sui temi della pace e della nonviolenza, sviluppando alcuni tra i più importanti contributi sul rapporto scienza-guerra. È autore, oltre che di numerosi saggi sul tema, dei volumi Scienza e guerra e L?obiezione fiscale alle spese militari.



____________________________________

Per informazioni:

Centro Studi Sereno Regis, Via Garibaldi 13, Torino ? Tel. 011.532824

EGA Editore, Corso Trapani 95, 10141 Torino - Tel. 011 3859500


RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 5 Mar 2007
9,30--->11,20


Incontro alla S. M. "Per ciechi" di Torino
Incontro con due classi terze: 3A e 3 B
Verrà proiettato il filmato "Soran"
Per Emergency: Paola Feo

RIF. GRUPPO DI TORINO

Gio 1 Mar 2007
h. 21.15
FLORES - Donne e minori dal mondo
Rassegna di documentari sui temi della cooperazione

II edizione
Torino 1° marzo - 19 aprile 2007 - cinema teatro Baretti, ore 21.15


1° marzo

Perchè le donne non fanno la guerra?
di Manuela Pecorari e Nicola Nannavecchia
(Italia, 2004, 58?)
Il film è nato dalla curiosità di sapere se le donne, che della guerra sono spesso le prime vittime, possono essere in qualche modo migliori degli uomini, al governo e per mantenere la pace. Il documentario è una sorta di puzzle di ricordi, di immagini e interviste a donne che hanno vissuto il conflitto nella ex Jugoslavia (1991-1999): si tratta di donne che hanno dovuto fare delle scelte, spesso anche difficili, di donne che hanno cercato un po? di decenza in una situazione che poteva dare solo morte e distruzione. E di donne che hanno affrontato la guerra a modo loro: combattendo come gli uomini o continuando il loro lavoro e rimanendo mogli e madri, per ricominciare dalle piccole cose.


Intervengono l?autrice, Stefania Di Campli di M.A.I.S. e Paola Feo di Emergency Torino

La seconda edizione di FLORES garantisce la gratuità del biglietto di ingresso a tutte le serate, per la più ampia fruizione possibile delle sue proposte culturali.

La rassegna FLORES è realizzata da:

M.A.I.S. Movimento per l?Autosviluppo, l?Interscambio e la Solidarietà
via Saluzzo, 23 10125 Torino 011 657972 info@mais.to.it; www.mais.to.it

con la collaborazione di:

PUNTODOC, documentazioni visive
via Mazzini, 50 10123 Torino 011 8125778 puntodoc2005@libero.it
Associazione DOCUME? circuito indipendente del documentario etico e sociale
via San Pio V, 14c 10125 Torino 011 6694833 www.docume.org
Associazione BARETTI
via Baretti, 4 Torino 011 655187 info@cineteatrobaretti.it www.cineteatrobaretti.it
LIBERA. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie
via Quattro novembre, 98 00187 Roma libera@libera.it; www.libera.it
Associazione ALMATERRA
via Norberto Rosa 13A 10154 Torino 011 2464330 www.arpnet.it/alma alma@arpnet.it
DAR AL HIKMA Centro Culturale Italo-Arabo
via Fiocchetto, 15 10152 Torino 011 5216496 daralhikma@tiscali.it
SCAMBIAIDEE, associazione di donne per le donne.
Via Mazzini 44 10123 Torino 011 8390905 scambia_idee@yahoo.it

Guarda il programma completo della rassegna

RIF. GRUPPO DI TORINO

Gio 1 Mar 2007
ore 18,00
Incontro alla FNAC
In occasione della presentazione del libro fotografico realizzato da
Monika Bulaj sul Sudan, Emergency è stata invitata presso il forum fnac
di via roma 56 per raccontare la propria esperienza umanitaria e sanitaria in quell'area.

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 27 Feb 2007
8.15-10.15 e 10.15-12.15


Incontro al LSC Copernico di Torino, C.so Caio Plinio 2
Presentazione del progetto "Emergency e la guerra" Verrà proiettato il filmato "L'arcobaleno e il deserto"
Per Emergency: Lilla

RIF. GRUPPO DI TORINO

Lun 26 Feb 2007
h. 10,30 - 12,00 e 14 - 15,30


Emergency nelle scuole
Incontro con i bambini di quattro classi terze elementari della scuola elementare "C. Casalegno", Via Acciarini 20, Torino, nell'ambito del progetto "dai bambini di Serendipity per i bambini del Sudan". Verrà presentata Emergency e sarà proiettato il filmato "Costruiamo la luce", sull'attività di Emergency in Afghanistan.
Per Emergency: Ivana, Euro
(Riferimenti: Euro Carello cell. 339.508.60.99 e-mail ceuro@tele2.it)


RIF. GRUPPO DI TORINO

Ven 23 Feb 2007
8,10 10,00


Incontro al centro di formazione professionale ENGIM di Nichelino, V. S.Matteo
Presentazione del progetto "Emergency e la guerra". Verrà proiettato il filmato "L'arcobaleno e il deserto" sull'attività di Emergency in Iraq
Per Emergency: Euro, Claudia
(Riferimenti: Euro Carello cell. 339.508.60.99 e-mail ceuro@tele2.it)

RIF. GRUPPO DI TORINO

Ven 23 Feb 2007
ore 20,30
Testimonianze dall'Afganistan
Presentazione di Emergency alla Comunità terapeutica Ginoprodue di Scalenghe, Via Belmondo, 2. Marina Castellano, infermiera parlerà della sua esperienza in Afganistan.
(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Mer 21 Feb 2007
h. 11,00 ---> 13,15


Emergency nelle scuole
Secondo incontro con la classe 4F dello Steiner, V. Monginevro 291 a Torino, che in conseguenza del nostro primo intervento ha fatto e presenterà un lavoro di grafica sulla guerra e le mine
Verrà proiettato il filmato "Soran non aver paura"
Per Emergency: Euro
(Riferimenti: Euro Carello cell. 339.508.60.99 e-mail ceuro@tele2.it)

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 21 Feb 2007
h. 21.00
SERATA CON MARCO CAFFERATI
Il Gruppo EMERGENCY di Santena organizza una serata con Marco Cafferati, medico di ritorno dal Centro Chirurgico di Lashkar-gah, in Afganistan.

Sala Visconti Venosta ( davanti a Villa Cavour )

RIF. GRUPPO DI SANTENA

Martedi 20 febbraio ore 21:00Formazione nuovi volontari
Appuntamento per la formazione, dedicato ai nuovi volontari.
La serata sarà dedicata a .. come organizzare eventi, manifestazioni, iniziative nell'ottica della conoscenza dell'associazione e della raccolta fondi.

PRESSO SEDE DEI VERDI
VIA SAN FRANCESCO D'ASSISI N° 3. Torino

per info: Franca 3475417099

RIF. GRUPPO DI TORINO

Sab 17 Feb 2007
h. 14.30
MANIFESTAZIONE NAZIONALE - " IL FUTURO è NELLE NOSTRE MANI: DIFENDIAMO LA TERRA PER UN DOMANI SENZA BASI DI GUERRA"
NO alla nuova base militare USA di Vicenza

A Vicenza, il 17 febbraio, contro ogni nuova base militare, per la desecretazione degli accordi bilaterali che regolano la presenza delle basi, per la difesa della terra e dei beni comuni, per un reale protagonismo delle comunità locali e dei cittadini.
Il futuro è nelle nostre mani: difendiamo la terra per un domani senza basi di guerra.
Il 17 febbraio tutti a Vicenza!


NOTE ORGANIZZATIVE MANIFESTAZIONE NAZIONALE 17 FEBBRAIO

CONCENTRAMENTO
Il concentramento del corteo è fissato per le 14.30 di fronte alla stazione dei treni di Vicenza. Il corteo, dopo aver fatto un giro della città, si concluderà con un happening presso Campo Marzo, sempre nei pressi della stazione FS.

PERCORSO
Il percorso della manifestazione è di circa 6 km che, come annunciato, parte dalla stazione dei treni e, dopo un percorso circolare, si conclude in Campo Marzo, un grande parco dove sarà montato un palcoscenico.

IL TRENO PIU' VICINO
Milano: Strike war express meet.point ore 10.30 @ Staz Centrale

PER ARRIVARE IN PULLMAN VEDI LINK AL FONDO

INFORMAZIONI PARCHEGGI, PULLMAN
Entro il fine settimana vi indicheremo luoghi di sosta e parcheggio per i pullman e per le auto, modalità del concentramento e della costruzione del corteo. A tal proposito, ci è utile sapere quanti furgoni/sound system ci saranno durante la manifestazione.

Leggi l'appello!
Elenco delle cittą da cui partono i pullman
www.altravicenza.it

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mer 14 Feb 2007
h. 17,30
LA TERRA DEL SILENZIO - Il trasferimento forzato dei kurdi in Turchia

Presso la libreria TORRE DI ABELE
Via Pietro Micca, 22 ? Torino

In collaborazione con Cantieri di Pace (di cui il gruppo Emergency di Torino fa parte) e ICS di Alessandria presentazione del volume:
LA TERRA DEL SILENZIO
Il trasferimento forzato dei kurdi in Turchia
(con l'introduzione di Marco Revelli - Edizioni Infinito)

Saranno presenti:
ANTONIO OLIVIERI, Associazione verso il Kurdistan
LUIGI VINCI, Alternative Europa


Alla fine della presentazione si potranno assaggiare dolci tipici kurdi.

La Terra del silenzio riporta i risultati di un'indagine sociologica condotta con grande rigore scientifico da Mehemet Barut (professore di sociologia generale), intervistando 17.875 persone, distribuite in 2.139 famiglie, forzatamente trasferite in Turchia da oltre 3.400
villaggi kurdi.

Sefika Gurbuz, direttrice del Goç-der, l'Associazione dei migranti per la cooperazione sociale e la cultura di Istanbul, che ha commissionato questa ricerca, finanziata dalla Provincia e dal Comune di Alessandria attraverso l?Istituto ICS, e che ha visto la partecipazione anche di altri enti ed istituzioni, afferma che il quadro numerico è assolutamente impressionante, perché di oltre 4 milioni di persone che sono state costrette a trasferirsi altrove dal Kurdistan, in genere in squallide periferie di grandi città, con conseguenti condizioni di vita ed economiche disastrose.

A causa di questa ricerca Sefika Gurbuz e Mehmet Barut hanno subito numerosi processi e condanne, a partire dall'articolo 312 del codice penale turco, che tratta dell?istigazione all'odio razziale. Mehmet Barut, benché assolto, è stato licenziato dall'università di Mersin.

Marco Revelli nella sua introduzione scrive: Per quelle donne, per quegli uomini, per quei bambini, non c?è stata giustizia. Nessun tribunale internazionale, nessuna Corte dell'Aja si è mossa. Quanti hanno osato intentare causa per i crimini subiti, hanno ricevuto in
cambio dinieghi e minacce. Infatti il 35% degli intervistati sono stati accusati di reati politici. Il che la dice lunga su quanto l'oppressione e l'arroganza del potere trionfino ancora lì, proprio dietro l?angolo del nostro cortile di casa. E di quanto, in un mondo ancora dominato dalla ragione della forza, le parole stesse perdano senso.

http://www.versoilkurdistan.blogspot.com
http://www.uikionlus.com

RIF. GRUPPO DI TORINO

Ven 9 Feb 2007
da definire


secondo Incontro alla S. M. Edoardo Agnelli di Torino, C.so URSS 312
Verifica e approfondimenti, dopo la lettura di pappagalli verdi fatta dall'insegnante ai ragazzi.

Per Emergency: Franca ClaudioG

RIF. GRUPPO DI TORINO

Martedì 6 febbraio ore 21:00Formazione nuovi volontari
Secondo appuntamento per la formazione, dedicato ai nuovi volontari.
La serata sarà dedicata alla conoscienza del nostro sito internet, nell'ottica dell'utilizzo per i volontari.
presso
CASA DI FRANCA (mangiameli) via san massimo 47. Torino

per info: Franca 3475417099

RIF. GRUPPO DI TORINO

Mar 6 Feb 2007
dalle ore 14,00 alle ore 16,00


Emergency nelle scuole
Incontro con la calsse 1B del Liceo Tecnico Gestionale I.I.S. M. Buniva, Via Dei Rochis, 25 - Pinerolo sul tema "I diritti in gioco".
(Riferimenti: Silvia Airaudo cell. 349.57.04.778)

RIF. GRUPPO DI PINEROLO

Ven 2 Feb 2007
h. 11,00


Emergency nelle scuole
Incontro presso l'Istituto Sociale di C.so Siracusa a Torino, con i bambini della classe 3° elementare
Verrà presentata l'attività di Emergency ed il progetto "Dimen"
Per Emergency: Fernanda, Stefania R

RIF. GRUPPO DI TORINO

Gio 1 Feb 2007
h. 21:00
Incontro a Candiolo
Presso la Sala Consiliare del Comune di Candiolo incontro con Marina Castellano (ospedale EMR di Lashkar Gah) e con il responsabile della sicurezza dell'ospedale EMR di Lashkar Gah.

RIF. GRUPPO DI TORINO


Vai alla pagina: indietro 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 avanti

18/11/2018 08:35